Articoli

emianpaganfolk_2017

Emian, la musica dell’anima

emianpaganfolk_2017_3

Gli Emian Pagan Folk

16 giugno 2017 – Bloomsday Salerno, la terza edizione: concerto degli Emian presso il Moa – Museum Operation Avalanche di Eboli (Sa).

A suonare al funerale del povero Paddy Dignam, morto a causa di un bicchiere di troppo, ci pensano gli Emian. Se è vero che la morte è solenne, talvolta pomposa (pomposità della morte, JJ. Ulisse, Ade VI episodio), è anche vero che porta con sé riti pagani.

Dalla cultura dell’area celtica a quella del Nord Europa, passando per ballate medievali e canti sciamanici, quella degli Emian Pagan Folk è certamente la musica dell’anima, capace di far vibrare in noi le corde di un sentire arcaico che sfugge e si ribella ai ritmi frenetici del mondo moderno.

Scenari folk nordeuropei e mediterranei sono lo sfondo di ammalianti canti echeggianti tra cime innevate, boschi incantati, fiordi scandinavi e scogliere su mari a perdita d’occhio. Mari increspati, mari in tempesta, mari verdemocciolo e mari calmi.

Sono tutti luoghi pregni di energia, quelli degli Emian. Luoghi di opposti in sintonia, dove il bianco ed il nero, come vita e morte, si inchinano ad una madre comune chiamata Natura.

 

francesco_petti5

Ade, in scena l’attore e regista Francesco Petti

francesco_petti

Francesco Petti, regista ed attore della terza edizione di Bloomsday Salerno

16 giugno 2017 – “Ade, VI episodio” di “Ulisse” di James Joyce: solenne, ma anche leggero e spensierato momento di riflessione nel suggestivo chiostro del MOA – Museum Operation Avalnche di Eboli (Sa).

Una riflessione sulla morte, dunque? Sì. Ma non intesa come aspetto tragico del reale, ma come vero e proprio strumento di introspezione. La morte è ciò che tu immagini che sia, il tutto muovendosi su un piano tipicamente joyciano: in/out (fuori/dentro). Un continuo uscire fuori di noi, quindi la realtà, ciò che vediamo, sentiamo, tocchiamo, per poi rientrare dentro di noi, quindi il nostro pensiero inconsapevole ed indomabile. Che sia un funerale o una festa, il pensiero ci sovrasta senza seguire logica alcuna. Lui è lì. Che sarà forse questa la presenza davvero inquietante, più della morte stessa, del nostro vivere quotidiano?

Francesco Petti

Attore, regista, musicista, drammaturgo, formatore, si è diplomato nel 1995 presso l’Accademia d’Arte Drammatica della Calabria. Lo studio di diverse discipline con diversi maestri lo dispone ad un approccio eclettico al lavoro. Da sempre il suo percorso mescola le sue varie passioni.

È tra i fondatori di Casa Babylon Teatro e del gruppo Melisma, che si segnala per l’originale commistione di musica e teatro. Ha collaborato con varie compagnie: TeatroStudio, Theatron, TeatrAzione, Teatro in Movimento, Teatro Ygramul, Compagnia PolisPapin, Teatri Sospesi.

Lavora nell’ambito del teatro ragazzi con l’Associazione Teatro Macondo e ha portato avanti con il collega Giuseppe Vitolo, dal 2007 e per diversi anni, un’esperienza laboratoriale con il DSM Cava-Costa d’Amalfi, con i cui attori ha fondato la Compagnia Senza Rete. Ha lavorato con Carlo Croccolo, Ruggero Cappuccio, Francis Pardeillhan, Francesco Silvestri, Michele Monetta, Vincenzo Pirrotta, Pasquale De Cristofaro, Peppe Lanzetta, Armando Pugliese.

Ha firmato varie regie, tra cui Aliano 35 con Edoardo Siravo, Angeli di Auschwitz con Vanessa Gravina, Effetto C.C. di F. Silvestri e Indubitabili Celesti Segnali con la Compagnia PolisPapin, spettacolo vincitore del Premio del Pubblico al Roma Fringe Festival 2015. Il suo ultimo lavoro è Tàlia si è addormentata, di cui ha curato scrittura, regia e musiche, sempre con la Compagnia PolisPapin.

Attualmente è stabile nella compagnia Teatro Macondo e con i colleghi Emilio Barone ed Alessandra Chieli, con i quali esplora l’interfaccia tra letteratura e teatro. È uscito di recente l’audiolibro L’uomo della sabbia di E.T.A. Hoffmann, per i tipi dell’Orma Editore, presentato in anteprima al Salone del Libro di Torino, di cui ha curato anche le musiche.

 

anteprima_bloomsdaysalerno2017

Edoardo Camurri ospite d’eccezione della III edizione di Bloomsday

Prestigiosa anteprima della terza edizione di Bloomsday Salerno, che sabato 3 giugno 2017, alle ore 18.30, ospiterà presso il MOA – Museum Operation Avalanche di Eboli (Sa) l’autore, giornalista, conduttore radiofonico e televisivo Edoardo Camurri.

Camurri ha condotto su Radio 3 trasmissioni come Tabloid, Radio 3 Mondo, Prima Pagina. Da autore televisivo ha firmato diversi programmi, tra cui Le vite degli altri, Istantanea e La Gaia Scienza, andate in onda su LA7. Da settembre 2013 conduce Viaggio nell’Italia che cambia e nel 2014 il talent show PiTeco su Rai Storia.

In occasione del Giro d’Italia 2015 ha curato e condotto la rubrica Viaggio nell’Italia del Giro, in cui ha mostrato i luoghi più famosi e storicamente rilevanti toccati dal percorso della corsa rosa. Ha condotto, inoltre, il programma I grandi della letteratura italiana, in onda su Rai 5, e Provincia Capitale, prodotto da Rai Cultura.

È autore di L’Italia dei miei stivali (Milano, Rizzoli), Necessità della sprezzatura in Juan Rodolfo Wilcock ed Il reato di scrivere (Milano, Adelphi).

“Il viaggio di Camurri è una corsa nell’anima del paese”: lo si legge in un articolo de Il Corriere della Sera a proposito del programma “Viaggio nell’Italia del Giro” di Edoardo Camurri su Rai 2. Ed è proprio questa sua ricerca d’anime nel Belpaese, oltre che il suo coinvolgimento nell’affascinante mondo joyciano, tra un Ulisse ed un Finnegans Wake, a fare di Edoardo Camurri l’ospite più atteso e gradito della terza edizione di Bloomsday a Eboli, nel Salernitano.

Perché siamo certi che un posto come il MOA di Eboli è la location perfetta per parlare di Joyce (e la psichedelia?) insieme ad Edoardo Camurri.

 

moa_superhl

La III edizione di Bloomsday Salerno al MOA di Eboli

moa_eboli

Il MOA di Eboli

È ufficiale: la terza edizione di Bloomsday si terrà al MOA Museum Operation Avalanche di Eboli (Sa) il 16 giugno 2017.

E così la terza edizione di Bloomsday Salerno si chiamerà, eccezionalmente, Bloomsday@Moa: James Joyce si è fermato a Eboli. Perché prendere e spostare di sana pianta il carrozzone Bloom da Salerno a Eboli? Non era già abbastanza spiazzante l’aver preteso che l’autore irlandese venisse, senza troppi preavvisi, imposto al territorio salernitano? Il punto è proprio questo: non ci piace pensare che Bloomsday – evento già sopra le righe di per sé – crei accomodamenti, né geografici né ideologici. È stato ribadito e scritto più volte, nelle precedenti edizioni salernitane, che Bloomsday nasce con l’obiettivo dichiarato di diffondere il capolavoro joyciano affinché tutti possano goderne.

“Ulisse” non è un libro da leggere. Ulisse è Il Libro da vivere. Non è leggendolo alla prima che capisci qualcosa, forse nemmeno insistendo nel voler per forza capire. Ulisse arriva quando meno te l’aspetti, come un’intuizione. Un flash che dura pochi attimi, giusto il tempo di intravedere un non so che di eroico nelle fittissime maglie di una giornata come tante. È impensabile imporne la lettura, anche a chi davvero vorrebbe, ma a ragione proprio non ce la fa. L’Ulisse di Joyce è (e resterà) l’impresa eroica di pochi coraggiosi.

Eppure a noi joyciani (più corretto sarebbe dire Joyce obsessed) non va giù che proprio Ulisse, vero ed autentico inno alla vita, venga messo alla pari del cubo di rubik. Al contrario, è un testo di facile soluzione, proprio quando non ti ci accanisci più. Ed allora, ecco che ad abbattere le barriere tra il mattone joyciano ed un potenziale suo lettore ci pensa Bloomsday. Vogliamo che almeno se ne parli e che se ne esorcizzi la presunta, talvolta conclamata, illeggibilità. Perché lasciarsi intimorire dalle pagine di un libro che altro non è che una modalità del mentale messa su carta? Illeggibile ed inafferrabile è, tale modalità, in tutti noi, nessuno escluso.

Ci sta, allora, che Bloomsday si scomodi (e scomodi anche i timidi lettori) ad andare proprio nei luoghi che non diresti mai. È quel non diresti mai che quest’anno fa del MOA di Eboli la location perfetta. Assolve e risponde a tutti i punti critici fin qui spiegati e riassunti in due parole chiave: diffusione e decentramento. E se proprio non vogliamo dare spiegazioni troppo idealiste al perché di questo improvviso spostamento dal centro verso la periferia, ci basti varcare il portone del MOA per capire che anch’esso, come Ulisse, non è un luogo, ma Il Luogo. Ne subisci il fascino e l’inspiegabile sentimento di appartenenza. Altro punto in comune con Ulisse. Di luoghi così, che non diresti mai, ce ne sono molti in Campania ed il MOA di Eboli è certamente uno di questi, soprattutto agli occhi di chi si è assuefatto al mood della city, che viene, a torto, concepita come unica cabina di regia possibile. Bloomsday non è solo un evento letterario, ma una frequenza su cui sintonizzarsi per andare un po’ più al di là di quella ineluttabile modalità del visibile, tanto per citare Joyce.

Concludo raccontando un aneddoto molto significativo. In un articolo dell’anno scorso, in occasione di Bloomsday Salerno 2016 – II Edizione, in cui spiegavo che legame ci fosse tra James Joyce ed i finanziatori dell’evento, scrivevo quanto segue: “Un Bloomsday a Salerno è come dire che Cristo si è fermato ad Eboli. Sebbene alla Aliano contadina del 1935, Carlo Levi si ispirò” (Bloomsday Salerno 2016).

Volevo in qualche modo mettere in risalto – in maniera ironica e provocatoria, è chiaro – il fatto che proprio chi di James Joyce non sa nulla, alla fine sceglie di finanziare un evento a lui dedicato. Paradossalmente l’aspetto pop (trash per alcuni), ma allo stesso tempo amaro, della seconda edizione, fu esattamente questo: voler calcare la mano su un’ipotetica working class che avanza con in mano l’Ulisse di James Joyce, come nel Quarto Stato di Pelizza da Volpedo. Il mio articolo faceva, infatti, riferimento ad un’azienda di trasporti, ad un fioraio, a due pizzaioli ed a due personal trainers. Tralasciando però l’aspetto un po’ retorico dell’aneddoto, oggi fa un certo effetto constatare che quel riferimento al Cristo di Levi metteva già in connessione Eboli con James Joyce. Il MOA, che io allora non conoscevo, era in qualche modo già parte del girone joyciano. E se quando dico girone vi viene in mente qualcosa di infernale, non avete intuito male…

Venite a scoprirlo il 16 giugno 2017 presso il MOA Museum Operation Avalanche di Eboli.

Bruna Autuori, curatrice di Bloomsday Salerno